29 Aprile 2014

12 buone prassi per il rilancio delle edicole bergamasche

Ascom, dopo aver ricostituito nel 2013 il Gruppo sindacale delle edicole, ha voluto analizzare in profondità il comparto delle edicole e grazie alla stretta collaborazione con Dif Spa Agenzia Diffusione Pubblicazioni ha commissionato alla società Multiconsult un ricerca e l’elaborazione di un vademecum per delineare alcune linee guida da indicare agli edicolanti, presentate oggi durante una conferenza stampa. Dall’analisi sono emersi due grandi valori: da un lato le edicole risultano essere veri e propri punti di riferimento del quartiere, dall’altro la loro capillarità – “ad ogni angolo della strada” – appare come un valore straordinario per i produttori di oggetti o servizi soprattutto del territorio. Accanto a queste c’è una terza scoperta: le edicole bergamasche sono pronte a diversificare i prodotti in vendita (con articoli da regalo e di cancelleria, accendini, fazzoletti, bottigliette d’acqua, dolciumi, gratta e vinci, abbonamenti e biglietti, sigarette elettroniche, testi scolastici o universitari), ad integrare servizi di richiamo e fidelizzazione (come le consegne a domicilio, le informazioni sugli eventi e sugli appuntamenti, il noleggio di bici in bike-sharing, i pagamento delle utenze domestiche) e ad imparare come collocare e predisporre i prodotti nel modo più accattivante, secondo le regole del visual merchandising. Ascom e Dif, grazie ad una convenzione di recente sottoscritta, contribuiscono a questo percorso di cambiamento.

Le linee guida

Dodici le buone prassi da seguire, risultato di un progetto pilota durato alcuni mesi che ha coinvolto dieci punti vendita in un percorso di analisi e condivisione. Il primo step progettuale è stato caratterizzato da uno studio generale del settore seguito dalla realizzazione di alcuni check up e approfondimenti presso i punti vendita volti a raccogliere informazioni di base dei luoghi stessi, della professione ma anche del settore/categoria. Agli incontri individuali si sono aggiunti incontri collettivi, in cui si sono messe a confronto le rivendite stesse in un dialogo costruttivo volto alla condivisione delle regole base della professione e soprattutto a possibili miglioramenti ed evoluzioni del settore.

L’analisi effettuata ha permesso di redigere un vademecum con le “buone prassi” che un rivenditore dovrebbe abitualmente seguire:

  1. guardarsi in giro
  2. ascoltare il mercato
  3. migliorare l’immagine
  4. tematizzare l’immagine a seconda della stagionalità
  5. ottimizzare l’esposizione interna
  6. informatizzare il sistema edicola
  7. conoscere e fidelizzare i clienti
  8. analizzare gli andamenti delle vendite
  9. conoscere gli aspetti tecnici della professione
  10. introdurre promozioni durante l’anno
  11. valorizzare i prodotti editoriali
  12. introdurre nuovi prodotti/servizi

SEDI E UFFICI

Ascom Confcommercio Bergamo è vicina agli imprenditori e a chi desidera avviare un’attività. Siamo presenti in città nella sede di Via Borgo Palazzo e nel territorio ad Albino, Calusco d’Adda, Clusone, Lovere, Osio Sotto, Romano di Lombardia, Sarnico, Trescore Balneario, Treviglio e Zogno.

vieni a trovarci

PERCHÉ ASSOCIARSI

» Per essere assistiti e tutelati nei rapporti con le istituzioni, le amministrazioni pubbliche e le parti sociali.

» Per avere più facile accesso al credito e beneficiare di bandi e finanziamenti.

» Per poter contare su servizi, consulenza e formazione personalizzati.

» Per essere informati sulle novita’ normative e di mercato.

» Per usufruire di sconti su beni e servizi di interesse per il vostro business.

Ascom Bergamo
Confcommercio Imprese per l’Italia

Via Borgo Palazzo, 137
24125 Bergamo
tel 035.4120111 | fax. 035.4120182
e-mail: info@ascombg.it
c.f. 80026270167

Orari apertura uffici
Da lunedì a venerdì
8.45/12.00 – 14.15/17.00

© 2017 Ascom Bergamo Confcommercio Imprese per l'Italia     | Privacy & Cookie policy | Agenzia di Comunicazione